Ho scritto molto sull’importanza di sviluppare, oltre alla conoscenza, una consapevolezza che ci possa guidare nella direzione giusta nello strutturare giorno dopo giorno la nostra vita e la nostra salute.

Tuttavia mi rendo conto che questo meccanismo, chiamiamolo virtuoso, non può innescarsi soltanto perché c’è qualcuno che ci invita a farlo per il nostro bene, né è possibile acquisire gli strumenti necessari, magari attraverso corsi, seminari, ecc., se prima non scatta qualcosa di importante dentro di noi.

Senza il famoso “click interiore” non può accadere nulla, o se accade è soltanto qualcosa di temporaneo, un’illusione, non il “cambiamento” autentico che ti mette su quel cammino dal quale non è possibile tornare indietro: il cammino che ti porta a ritrovare il tuo “es” e ad essere libero.

Questi giorni, stando a contatto con il pubblico per via del mio lavoro in farmacia, sto assistendo a qualcosa che stimola ancora di più le mie riflessioni, la mia ricerca interiore, le tante domande che mi pongo quando osservo certi comportamenti, primo tra tutti il mio.

La prima fortissima sensazione è senza alcun dubbio quella associata alla paura.

In realtà la paura la percepisco sempre in ogni momento, ma ora è ancora più evidente perché le paure di ogni singolo individuo si sommano dando vita ad una paura collettiva che diventa qualcosa di indefinito e che si trasforma in angoscia. La paura in questi giorni è senz’ altro la protagonista assoluta.

Le persone sono in cerca, e capisco benissimo, al di là del disinfettante per le mani, delle mascherine, e di sistemi di difesa a cui aggrapparsi, di quel qualcosa che possa sollevarle dalla morsa della paura.

Il coronavirus produce un’infezione respiratoria che, proprio per la paura diffusa che genera, prima ancora di contagiarti genera una sorta di mancanza d’aria.

Quando la paura diventa cronica, avvengono nel corpo, e prima nella mente, delle modificazioni biochimiche per cui il respiro diventa corto, le cellule (tutte!) non ricevono più il giusto apporto di ossigeno e sostanze nutritive, il cuore comincia a battere con maggiore frequenza, ti senti  letteralmente “soffocare”, inevitabilmente cominci a visualizzare sale di rianimazione e intubamenti vari.

I pensieri di preoccupazione diventano così incalzanti  che ti si annebbia  la mente e cominci a perdere la lucidità, tutto il corpo si irrigidisce, ogni muscolo resta in tensione in modo cronico, con tutte le relative conseguenze.

La confusione dentro di te è tale per cui non riesci a capire, a ri-connetterti con il “dentro di te” e a “sentire” qual è la giusta direzione da seguire in quel momento. Insomma prima resti totalmente in balia del te stesso impaurito, e poi degli altri, cioè è avvenuta la trasformazione in “automa“, segui il flusso….ma non il tuo, quello del Noi.

A questo punto però, se si riescono a prendere le distanze (e non mi riferisco al metro di distanza obbligatorio da mantenere per evitare il contagio!), cioè si rimane ad un livello (mentale!) soltanto di osservazione distaccata si riesce ad acquisire una prospettiva diversa, una lucidità e quindi una centratura che ci protegge dall’essere travolti dal flusso esterno spaventoso e devastante.

A me aiuta tantissimo la respirazione che mi permette di innescare facilmente il passaggio dal fuori al dentro di me….e posso farlo in qualsiasi momento, purché abbia la “consapevolezza” del mio essere “fuori” e la motivazione per “rientrare”.

In questo modo posso sicuramente essere più efficace nello svolgere il mio lavoro che punta sull’interazione empatica, sull’ascolto, sull’informazione, sul facilitare il famoso click interiore, senza trascurare tuttavia l’aspetto più tradizionale della mia professione.

L’osservazione, come dicevo, parte prima di tutto da me stessa.

Gli effetti del corona virus sono evidenti. Della paura ho parlato. C’è desiderio di certezze, di essere rassicurati, di avere buone possibilità di uscire indenni da questa nuova minaccia.

Siamo sicuri che sia possibile ?

Penso ormai di aver acquisito il concetto che l’unica certezza che ho è quella dell’incertezza.

Riuscire a riconoscere l’incertezza come tua amica, come potenziale da cui poter trarre tutto ciò che di meglio esiste, non è il risultato di un atteggiamento delirante o isterico, ma di anni di ricerca interiore, di confronto, di osservazione, di allenamento, di periodi di confusione (come questo!!), di domande (senza risposta!) su chi sono veramente, dove vado, sul senso di questa esperienza terrena, di sofferenza, di ego, di tentativi tuttora in corso di demolizione dell’ego….e tante altre cose ancora.

Come faccio ad esserne così “sicura”? Sicura che l’unica certezza sia l’incertezza ? E… riuscire a rimanere serena ?

L’unica risposta autentica che posso dare è: sono sicura perché “sento” che è così.

L’obiezione razionale che viene spontanea è che già affermando di essere ” sicura” sto contraddicendomi….

Come faccio ad essere sicura se la sicurezza e’ nell’insicurezza ?

Certo… ma questo è un approccio lontano dal “sentire ” che intendo….

E quel “sentire” non è possibile tradurlo in parole. C’è e basta. Mi “affido” alla sensazione che mi suscita.

Una sensazione di quiete, pace, di comodità, ma non solo dal punto di vista emozionale, mentale, anche fisico, perché il cuore mantiene un giusto ritmo, ogni muscolo del corpo è rilassato, l’energia aumenta.

Magari poter stare continuamente in questo “stato”…!!!

A volte però, perdo “l’attenzione”, e  scivolo di nuovo nel fuori di me, e subisco l’effetto “frullatore“:  il coronavirus ci sterminerà, ma no, non è così letale, è tutta una bufala per renderci schiavi, no è letale, uccide anche i giovani, è come l’influenza ma molto più contagioso, non è come la semplice influenza e’ molto peggio, il virus sta diventando più aggressivo, coronavirus come “cavallo di Troia”, se rispetti le regole salvi te stesso e tutta la comunità, la vitamina C ti salva dal virus, guarda che ogni minuto il tuo organismo combatte con un virus, un batterio, un oncogeno, sii rispettoso del tuo sistema corpo/mente, ma ogni momento della tua vita, non soltanto ora che hai paura di perderla, il coronavirus galleggia nell’aria fino a 20/30 minuti, complotto da coronavirus, morti in quantità, si sono inventati sia il numero dei contagiati sia i tanti morti, costretti in casa a fare i conti con se stessi, con i figli, con il partner, meglio piuttosto  esporsi al contagio e ai corrispondenti rischi, le case si trasformano in prigioni, ma per alcuni diventa un’occasione di ri-acquisizione  del proprio “tempo”, della possibilità di dedicarsi a tutto ciò a cui avevi rinunciato per mancanza di quel tempo, anche cose banali, ma che facilitano la connessione con te stesso, no,  questo è un sequestro di 60 milioni di italiani, i medici intervistati sulla devastante situazione non sono medici sono attori ingaggiati per ingannarti, denunciamo per procurato allarme, andiamo tutti a Bergamo a protestare, questa situazione surreale ci fa sviluppare nuove connessioni neuronali,  …. potrei continuare all’infinito.

Se riusciamo ad osservare con distacco, in assenza di giudizio, la nostra reazione psicofisica  (paura, incredulità, ansia, dubbio, panico, tachicardia, tensione muscolare, pace, serenità …) nel leggere le frasi precedenti, che sicuramente sono arrivate a ciascuno di noi in questi giorni da ogni dove, ecco, io credo che questo possa aiutare nel cammino della consapevolezza, a cercare e trovare nel profondo di noi stessi non tanto una verità, perché la verità non esiste in assoluto, ma quel “sentire” di cui parlavo precedentemente, quel qualcosa che, miracolosamente, spegne tutti  i rumori esterni, tutto il chiacchierio esterno, che poi è la proiezione del tuo chiacchierio interno, e finalmente raggiungi quel “luogo ” silenzioso, dove c’è TUTTO perché non c’è NIENTE.

Alla fine raggiungi quella consapevolezza che nel “frullatore”, se permetti, posso pure decidere di non entrare, di restare in osservazione mantenendo il più possibile la lucidità, cercando di mantenere sempre una visione d’insieme, una visione da ogni possibile angolazione, una visione sempre laterale, comportandomi di conseguenza.

Coronavirus o no continuo ad onorare questa vita che mi è stata concessa, con gratitudine, “fidandomi” delle mie intuizioni, che non è detto siano giuste, ma va bene lo stesso, seguendo il flusso, ma quello “cosmico” , il cosmo (macro!) di cui io rappresento una piccolissima parte (micro!), cercando e riuscendo a trarre il meglio da ogni situazione.

Attualmente siamo facilitati, vediamola così, abbiamo tutto il tempo (mica è così scontato!) per starcene in silenzio, anche chi abita in città può godere del silenzio esterno, si ri-sente soltanto il canto degli uccellini, la presenza della natura, fondamentale per il nostro equilibrio psicofisico, ora si percepisce pure in città.

Vista così, almeno questo, “sembra” un effetto positivo.

Lo è, chi può negarlo….?

Daniela Angelozzi

Farmacista di professione, andando in bicicletta ho scoperto il significato del movimento associato al vivere immersi nella natura, alla ricerca della bellezza. Per descrivere di cosa si tratta ho coniato la definizione: "meditazione dinamica". Il mio è un approccio olistico al tema della salute e del benessere come equilibrio psicofisico. La bici è equilibrio.

More Posts

Follow Me:
Facebook

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *