Un breve giro in bici nella campagna Umbra, su strade sterrate, adatto a tutti. E’ per MTB, trekking bike e gravel. Sconsigliato per bici da corsa. 15 km e 250 m. di dislivello.

Si parte da Lugnano in Teverina (parcheggio gratuito all’incrocio) e si va in direzione Amelia e, dopo un km su asfalto, si gira a destra in direzione “Comunità Incontro”. Alla fine della discesa c’è un fontanile (acqua fresca) e si può decidere se percorre l’anello in senso orario o antiorario. Consiglio il senso orario in direzione Porchiano del Monte. Si percorre una sterrata prevalentemente pianeggiante per circa 3 km.

All’incrocio con la strada asfaltata l’anello prosegue a destra in direzione Attigliano. Una variante, per i più allenati, è il giro di Porchiano del Monte che si raggiunge sia dalla direttissima sulla sinistra (molto ripida), che dalla strada asfaltata seguendo le indicazioni stradali. Al centro del paese, nella piazza, in un edificio storico (si entra nel portone) c’è un negozio di generi alimentari di proprietà di Moreno Peruzzi, un ciclista della zona molto conosciuto, dove è possibile rifornirsi di ottimi prodotti locali (consigliatissimo un panino con due fette di pane di Terni e la spalletta).

Scegliendo di proseguire il tour, si scende su strada asfaltata verso Attigliano e dopo una serie di curve in discesa, si gira a destra (indicazione Lugnano) prendendo una sterrata in salita. Si prosegue per alcuni km in salita (pedalabile) per poi arrivare ad un incrocio.

Si prende a destra la sterrata scendendo per un po’ per poi risalire, sempre sulla sterrata fino al fontanile. Si prende a sinistra la salita ripida fatta in precedenza in discesa e si va a sinistra sulla strada asfaltata fino al parcheggio.

Si consiglia anche una visita a Lugnano in Teverina. Sarete ripagati per aver fatto la salita dalla visita della Collegiata di Santa Maria Assunta, un vero gioiello del XII secolo.

VEDI – Traccia del percorso

 

Valter Ballarini

Nato a Terni, in Umbria, ciclista, randonneur, guida cicloturistica, da anni esplora il mondo del Ciclismo non solo come fenomeno sportivo ma come modalità più consapevole di osservare e vivere la realtà. Architetto, in passato, ha realizzato progetti come la Bibliomediateca e il Videocentro a Terni, la Città del Gusto del Gambero Rosso a Roma, il Virtual Reality & Multi Media Park di Torino.

More Posts

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *