Un tour nel cuore verde d’Italia alla scoperta dell’Umbria, una regione sorprendente per storia, natura cultura e bellezza.

La Strasubasio è un’idea di Giuseppe Bagliani, un medico cardiologo di Spello, appassionato di ciclismo storico, attento studioso e conoscitore della storia della “specialissima” di cui è anche uno dei più attrezzati collezionisti (possiede le repliche delle specialissime di tutti i campioni del ciclismo nazionale e internazionale). Continua a leggere

Certo che al giorno d’oggi, andando in bici, se ne vedono delle belle…!!!
Lo dice sempre più spesso un mio amico ciclista, non sempre utilizzando le mie stesse parole, ma il concetto è simile: sempre più donne praticano il ciclismo, non quello con le bici da passeggio, ma tutte le discipline del ciclismo, comprese quelle più estreme, e pure con ottimi risultati. Continua a leggere

L’edizione del 3 marzo 2018 della Strade Bianche Pro è stata sicuramente una corsa epica, bellissima da vedere, emozionante da tutti i punti di vista.
L’ha vinta Tijesj Benoot, un belga sconosciuto ai più, che è riuscito a beffare nel finale altri due campioni giovanissimi ma di gran talento come Romain Bardet e il sorprendente Wout van Aert. Continua a leggere

 

Recentemente in Italia è nata l’Alleanza per la Mobilità Dolce (A.Mo.Do.). Si tratta di una associazione di associazioni che a vario titolo, in vario modo, e con diversi approcci, si occupano dei temi della mobilità sostenibile in Italia.

L’Alleanza è una aggregazione che ha dello straordinario in questo paese dove si tende più a dividere che a mettere insieme. Questa volta sembra invece che ci si sia riusciti.

Forse perchè si tratta di un secondo tentativo, dopo la fine ingloriosa del primo. Continua a leggere

I termini utilizzati per definire la mobilità pedonale e ciclabile si riferiscono in generale alla lentezza, al passeggiare, al vivere gli spazi pubblici, enfatizzando le differenze con una mobilità meccanizzata, invasiva e frenetica.

Questa terminologia non sempre si può applicare alla mobilità in bicicletta.

Chi va in bicicletta ama anche la velocità, il piacere della guida, il sentirsi tutt’uno con la propria bicicletta.

Pedoni si nasce, ciclisti si diventa. Continua a leggere

La tipologia della bici “Gravel” è nata recentemente negli USA. La traduzione di “Gravel“, termine inglese, è “ghiaia“. Il termine applicato alle bici sta a significare che queste sono adatte a percorre strade sterrate, le nostre carrarecce o strade bianche di campagna. Negli USA le strade secondarie sono quasi sempre sterrate e non è un caso che anche la Mountain bike sia nata in America negli anni ’80.

La Gravel nella forma sembra una bici da strada ma, in realtà, presenta molte caratteristiche che la differenziano da questa tipologia. Continua a leggere

On The Snow… Fatbike Experience from valterb on Vimeo.

La neve normalmente impedisce l’uso della bici costringendo i ciclisti a cambiare abitudini nei mesi invernali.
Con la comparsa delle fat bike (ruote grassissime) e poi le ebike in versione fat, oggi è possibile vivere nuove esperienze assolutamente divertenti.

Questo video, che ho realizzato lo scorso anno a Passo del Tonale con gli amici di Tecnobike, racconta questa esperienza. Continua a leggere

Sono nato a Terni ma non ci ho sempre vissuto. Dopo alcuni anni passati nelle grandi città ho scelto di tornare in Umbria. Questo video realizzato dai miei amici di Euromedia e prodotto da un consorzio turistico locale mostra perchè.

Questi sono i luoghi che ho imparato a conoscere esplorandoli con la bici.

MTB, strada o gravel, qualsiasi tipo di bici ti permette di vivere questa parte dell’Umbria nel modo più bello e più ricco di emozioni.

Se sono diventato un ciclista lo devo alla magia di questi luoghi.

Se ho scoperto in profondità la bellezza di queste terre lo devo alla bici.

Grazie “genius loci”.

Non è facile stimare la consistenza numerica del fenomeno delle randonnée sia in Italia che nel mondo. Un riferimento si può estrapolare dall’ultima edizione del Vademecum ARI che ogni anno viene aggiornato dal suo presidente Luca Bonechi, un riferimento indiscusso per tutti i randonneur italiani.

Apri o scarica il  – 2018 VADEMECUM ARI

In Italia da 20 anni è l’ARI (audax Randonneur Italia) che si occupa di certificare sia le randonnée che chi le organizza, oltre a occuparsi di tutte le omologazioni dei brevetti con valore internazionale ACP (Audax Club Parisien) o nazionale BRI (Brevetto Rando Italia). Continua a leggere

 

Conclusa l’edizione 2019 della Parigi Brest Parigi, in questo post trovi un breve resoconto della manifestazione vissuto dentro il gruppo, attraverso il quale ricavare preziosi consigli su come organizzare la tua partecipazione alla prossima edizione.

Questa tabella riporta i dati relativi alle 15 tappe ricavati caricando su un dispositivo Garmin le tracce ufficiali pubblicate nel sito PBP, indicando anche i tempi di percorrenza di ciascuna tappa, ad una velocità media di 22,52 km/h.

Come sempre, anche i percorsi dell’edizione 2019 sono pubblicati sul sito PBP  divisi in 15 tappe. Manca il percorso complessivo che, essendo superiore ai 1200 km, non può essere caricato su Openrunner.

Per questo ho rielaborato le tracce ufficiali realizzando due percorsi, quello di andata, da Rambouillet a Brest, e quello di ritorno, da Brest a Rambouillet. I percorsi prevedono alcune piccole varianti.

Nelle tracce che ho elaborato collegando le tracce ufficiali, sono previste le deviazioni verso i punti di controllo, quindi sono tracce complete che possono essere seguite caricandole sul vostro ciclocomputer gps.

I file gpx li potete scaricare direttamente dalle pagine Openrunner seguendo questi link:

A – Percorso di andata da Rambouillet a Brest

R – Percorso di ritorno da Brest a Rambouillet

In questo documento PBP 2019 – TAPPE E ID Openrunner trovate la sintesi delle 15 tappe con altimetrie e distanze calcolate da Openrunner.

La PBP si svolgerà tra il 18 e il 22 agosto 2019.

Tutte le operazioni relative alla verifica delle iscrizioni possono essere svolte il 17 agosto seguendo le indicazioni contenute in questo documento (in italiano) PBP 2019 – Check-in il giorno prima della partenza.

Le operazioni il giorno della partenza sono descritte in questo documento PBP 2019 – Operazioni il giorno della partenza.

Le informazioni sui servizi alla partenza/arrivo e lungo il percorso sono descritti in questo documento PBP 2019 – Servizi ai punti di accoglienza e controllo.

Questa è la mappa del luogo dove si svolgeranno tutte le operazioni.

Tutte le informazioni in italiano possono essere scaricate a questo link (dovete scaricare la versione IT)

Alcune informazioni sulle pre-qualifiche (utili per la prossima edizione)

Le pre-qualifiche si sono svolte nel 2018 e in base alla distanza della randonnée più lunga disputata nel corso dell’anno, ci si può candidare alla pre-iscrizione in base a questo calendario: Continua a leggere