L’Umbria, il cuore verde d’Italia, è una regione bellissima dove l’arte, la storia, la cultura, l’enogastronomia e le tradizioni fanno parte di uno stile di vita invidiabile, in una dimensione temporale dilatata.

Per scoprire le meraviglie di questa regione il modo migliore è quello di percorrerla in bicicletta, con qualsiasi bicicletta, e in qualsiasi periodo dell’anno.

L’ARI (Audax Randonneur Italia) e il Consorzio regionale Umbria & Bike hanno siglato un accordo per realizzare dei percorsi permanenti destinati al mondo dei randonneurs e, più in generale, a tutti i cicloturisti italiani e stranieri innamorati del nostro paese.

Si tratta di un esperimento che sta riscuotendo un notevole successo in quanto coniuga intelligentemente l’esperienza dei randonneur e le esigenze di coloro ai quali piace andare in bici alla scoperta del territorio, supportati da un Tour Operator (percorso in più tappe, trasporto bagagli, assistenza tecnica ecc.).

Infatti la regione è stata suddivisa in 4 quadranti, corrispondenti ai punti cardinali, dove sono stati disegnati 4 percorsi ad anello di 200 km ciascuno a cui se ne aggiunge uno centrale, sempre di 200 km, che rappresenta una sintesi degli altri.

In questi 5 anelli (Nord, Sud, Est, Ovest + Centro) ogni anno vengono organizzate da ASD aderenti all’ARI, selezionate dal Consorzio, 5 randonnée (certificate ACP) inserite nel calendario ARI e che valgono come prove del Campionato Nazionale.

I percorsi sono stati strutturati ed attrezzati anche come “percorsi permanenti” in quanto, oltre ad essere utilizzati in occasione delle randonnée nelle date del calendario, sono percorribili in autonomia in qualsiasi giorno dell’anno in base al regolamento specifico dell’ARI (più rilassato, in quanto può essere percorso in un lasso di tempo più lungo rispetto ai limiti imposti dai regolamenti internazionali delle randonnée).

Per consentire a tutti i randonneur di viversi l’esperienza del “brevetto permanente” in autonomia, il Consorzio, insieme alle ASD organizzatrici degli eventi, hanno individuato lungo i vari percorsi, delle strutture commerciali (bar e ristoranti) che svolgono il ruolo di Rando Point dove è possibile certificare il passaggio.

Mentre le randonnée ufficiali prevedono necessariamente dei punti precisi dove avviene la partenza e l’arrivo, i brevetti permanenti possono essere conseguiti partendo da uno qualsiasi dei Rando Point presenti lungo il percorso scelto. Tutte le informazioni si possono trovare nel sito www.randoumbria.it.

Ovviamente queste opzioni sono riservate ai randonneurs, a quei ciclisti che sono in grado di percorrere i 200 km nei limiti imposti dai regolamenti.

La novità sta nel fatto che il Consorzio Umbria & Bike, in collaborazione con il Tour Operator Dreavel, ha progettato dei pacchetti turistici riservati a quei cicloturisti che vogliono viversi la stessa esperienza dei randonneurs, sugli stessi percorsi, ma in una modalità ancora più rilassata, suddividendo ogni anello di 200 km in 3 o 6 tappe con pernottamento in strutture selezionate, trasporto bagagli da struttura a struttura, e accompagnamento da parte di guide cicloturistiche certificate e pulmino al seguito per assistenza tecnica.

In questa modalità è possibile visitare i numerosissimi punti di interesse disseminati nel territorio che si attraversa, sostare per ammirare i panorami, per rilassarsi e per degustare le prelibatezze locali per poi concludere la tappa in tempo per potersi godere un tuffo in piscina, una sauna o un massaggio prima della cena.

Molti Tour Operator, prevalentemente stranieri, offrono pacchetti turistici di questo tipo, ma la novità della proposta umbra sta nel fatto che i percorsi selezionati da Umbria & Bike con ARI, sono stati testati dai randonneurs e non da semplici guide locali improvvisate, e rispondono a dei criteri di massima fruibilità di un patrimonio materiale e immateriale molto vasto ed articolato.

La proposta, oltre ai cicloturisti stranieri attratti dal Bel Paese, è rivolta anche a quei ciclisti e randonneurs che voglio condividere la propria passione anche con i propri partner, i familiari e gli amici, per far assaporare loro la bellezza di un viaggio in bicicletta, alla scoperta di un territorio pieno di fascino.

Altro particolare di non poca importanza è che le varie tappe (che variano dai 35 a 70/100 km giornalieri) possono essere percorse anche con le eBike, la cui autonomia è sufficiente per coprire queste distanze.

Guarda la brochure: Rando Umbria – Proposte Dreavel (TO)

Valter Ballarini

Nato a Terni, in Umbria, ciclista, randonneur, guida cicloturistica, da anni esplora il mondo del Ciclismo non solo come fenomeno sportivo ma come modalità più consapevole di osservare e vivere la realtà. Architetto, in passato, ha realizzato progetti come la Bibliomediateca e il Videocentro a Terni, la Città del Gusto del Gambero Rosso a Roma, il Virtual Reality & Multi Media Park di Torino.

More Posts

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *